Il Progetto

Let’s Dig Again nasce a Siena nell’Aprile del 2013 con l’obiettivo di creare un nuovo canale di comunicazione che non fosse rivolto esclusivamente a specialisti del settore o a conoscitori della materia, ma che fosse in grado di coinvolgere e avvicinare il grande pubblico a quelli che sono i temi dell’archeologia.

Lo scopo è quello di documentare e raccontare le diverse esperienze dell’archeologia italiana, attraverso un programma di divulgazione e approfondimento scientifico.

Fra le numerose interviste ricordiamo quella con il Prof. Gian Pietro Brogiolo all’interno del “Workshop di ricerca partecipata di Drena (TN)”, organizzato dall’Università di Padova e dal MAG (Museo Alto Garda); Pompei con il gruppo di ricerca dell’Alma Mater Studiorum di Bologna all’interno del Grande Progetto Pompei; nel Luglio 2016 alla Galleria degli Uffizi su invito dell’archeologa Cristiana Barandoni; la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico 2014 a Paestum e i convegni “Opening the Past” a Pisa e “Statio Amoena” a Verona; in Puglia con l’Università degli studi di Foggia, tra cui l’intervista con Prof. Giuliano Volpe (Presidente del Consiglio Superiore per i Beni culturali e paesaggistici del MiBACT) dal sito archeologico di Faragola (Ascoli Satriano-FG) e quelle insieme ai docenti dell’università degli studi di Siena, tra cui il Prof. Enrico Zanini, il Prof. Marco Valenti e il Prof. Emanuele Papi.

Let’s Dig Again è presente su Spreaker oltre che sui diversi social network tra cui Facebook, Twitter, senza contare gli altri canali utilizzati quali Youtube, Instagram e Pinterest. Proprio su Youtube è stata avviata un’attività parallela a quella della radio, con la realizzazione di video a carattere documentaristico e informativo.
Da Ottobre 2017 una nuova scommessa comunicativa, è stato aperto il canale pubblico Telegram.

Questo slideshow richiede JavaScript.