Mitreo for dummies: l’unico tempio romano (visitabile) di Londra

Se vi trovate a Londra e non riuscite proprio a trattenervi dal non ficcanasare nel passato più remoto della città allora dovete prendervi un po’ di tempo per una visita al suo Mitreo. Dato che non si tratta di una delle attrazioni principali della City ho pensato che una piccola introduzione in italiano e qualche consiglio pratico sulla visita potrebbero farvi comodo.

Gli scavi del 1954

Questo antico luogo di culto, relativamente comune nel resto dell’impero romano, è uno dei pochi noti per l’Inghilterra e al momento della sua scoperta destò grande interesse tra i Londinesi. Correva l’anno 1954, la seconda guerra mondiale si era appena conclusa e gli inglesi avevano da poco cominciato a ricostruire tra le macerie lasciate dalle bombe, quando tra le rovine spuntarono i resti di questo piccolo tesoro. La scoperta, casuale, portò a uno scavo di emergenza condotto dall’allora direttore del Museum of London, l’archeologo gallese William Francis Grimes (1905-1988). Lo scavo fu completato in poche settimane e inizialmente non si conosceva la dedicazione della struttura, tanto che le prime ipotesi puntavano verso un edificio paleocristiano. Solo durante gli ultimi giorni di scavo furono scoperti i resti delle statue, accuratamente sepolti, che portarono all’identificazione dell’edificio come un tempio dedicato a Mitra, ma anche ad altre divinità, costruito intorno al 240-50 d.C. nel cuore della città romana, nei pressi dell’ormai invisibile torrente Walbrook.
La notizia venne allora pubblicata dal Sunday Times e il sito fu letteralmente ricoperto di visitatori incuriositi, se ne stimano circa 30.000. L’attenzione del pubblico e l’importanza della scoperta, tutt’oggi uno dei pochi elementi della città romana ancora visibili e visitabili nella City, contribuirono al salvataggio del luogo di culto, il quale sarebbe stato altrimenti distrutto o reinterrato.

Il pragmatismo inglese condusse inizialmente ad uno smontaggio dell’opera con una sua ricollocazione a qualche centinaio di metri dall’originale luogo di scoperta, in Queen Victoria Street. Dal 2010, un’organizzazione privata, la Bloomberg, che è entrata in possesso del terreno dove sorgeva originariamente il Mitreo ha deciso di ricollocarlo al suo posto, sette metri sotto terra e renderlo fruibile al pubblico gratuitamente.

Fonte: www.dezeen.com

Nel mio ultimo raid londinese sono andato a visitare il museo, al centro di un triangolo di stazioni della metro - Bank, Mansion House e Monument - in Walbrook street e ho deciso di scrivere questa piccola guida per una visita ottimale.
All’ingresso verrete accolti dall’installazione 3D dell’artista Paolo Bronstein e dal personale del museo che vi fornirà una piccola brochure. Prima di iniziare la discesa potrete ammirare ed esplorare, tramite tablet, una parete contenente circa 600 artefatti ritrovati durante gli scavi del 1954 e durante le nuove indagini archeologiche del 2012-2014 per la costruzione del nuovo palazzo della Bloomberg, che hanno permesso di aggiungere nuovi pezzi alla storia di Londra e al contesto in cui il Mitreo era inserito. Proprio tale contesto, ricco di umidità proveniente dal vicino fiume, ha permesso di conservare una quantità di reperti organici raramente apprezzabile in un sito archeologico. È in questo modo che è stato possibile recuperare vari artefatti in materiale deperibile tra cui delle tavolette di legno con ancora impressi i caratteri latini, tra i primi esempi di scrittura noti in Gran Bretagna.
Dopo che avrete giocato con il tablet a sufficienza rimettetelo a posto e scendete le scale. Durante la discesa osservate, se non c’è troppa ressa, le pareti alla vostra sinistra e alla vostra destra, sulle quali è riprodotta la stratigrafia archeologica dell’area con tanto di date e vi renderete conto che ogni scalino verso il Mitreo è di fatto un salto indietro nel passato della città di Londra.

Fonte: www.dezeen.com

Finita la scalinata vi troverete in una sala dove avrete a disposizione tre piattaforme per approfondire la vostra conoscenza della Londra romana e del Mitreo stesso. Se siete completamente a digiuno di tali argomenti e non avete la più pallida idea di cosa fosse un mitreo e di come Londra doveva presentarsi ai tempi dei romani, vi consiglio di spendere un po’ di tempo in questa sala prima lanciarvi verso la tappa finale del vostro percorso. In ogni caso l’accesso al mitreo non è sempre libero, si può entrare solo ogni venti minuti per assistere all’esperienza “immersiva” preparata per voi dai curatori. Se volete capirci qualcosa non fate come me e munitevi dell’apposito libretto disponibile sulla sinistra, poco prima dell’ingresso al tempio vero e proprio, vi troverete la trascrizione in latino con traduzione in inglese dei dialoghi e formule religiose che verranno recitate (in latino) durante la performance. Se poi, come su detto, non siete troppo familiari con l’argomento o volete saperne di più, consultate il materiale nella sala precedente, perché all’interno del mitreo stesso non troverete né pannelli illustrativi né ricostruzioni né spiegazioni di alcun che. L’esperienza “immersiva”, basata su giochi di luci, suoni e voci, è una performance che serve a darvi un’idea di come doveva svolgersi una cerimonia in onore del dio Mitra, basandosi su testi e formule scoperte in altri Mitrei dell’Impero, ma non spiega assolutamente nulla di per sé. Se non conoscete il latino e non sapete bene a cosa state andando in contro potrebbe risultare un’esperienza suggestiva ma assolutamente incomprensibile.
Una volta terminata la performance sarete invitati a uscire dal Mitreo, la vostra visita sarà così felicemente (si spera) conclusa e la vostra fame di archeologia placata. Almeno per un po’.

Info utili:
La visita è gratuita ma la prenotazione online è consigliata per evitare sovraffollamenti. Si possono organizzare visite per scolaresche, previa prenotazione. Il museo è dotato di servizi per l’accesso ai disabili. Potete fare tutte lo foto che volete, solo NO FLASH.

Il museo è aperto nei seguenti orari:
Martedì-Sabato 10:00-18:00
Domenica 12:00-17:00
Primi Giovedì del mese 10:00-20:00
Chiuso il Lunedì, a natale e durante le vacanze di fine anno.

London Mithraeum

Per maggiori informazioni (in inglese):
https://www.londonmithraeum.com/
https://www.bloomberg.com/company
https://data.bloomberglp.com/company/sites/30/2017/11/BLA-web.pdf
https://data.bloomberglp.com/company/sites/30/2018/06/MithrasTeachersResource_Jun18_V3.pdf
https://www.theguardian.com/science/2017/nov/08/reconstructed-roman-temple-mithras-opens-public-bloomberg-hq

Posted by Alessandro Carabia

Lascia un commento